Torna al blog
Mobile Marketing Cloud

Come ottenere più leads con SMS ed email marketing

Se utilizzi gli SMS, le email, o ancora meglio entrambi, come canali di marketing, configuri i messaggi, li invii e analizzi i risultati. In che modo puoi rendere più efficaci queste comunicazioni per migliorare i risultati che ottieni?

Molte aziende non sfruttano a pieno il potenziale di SMS ed email marketing perché non usano sempre le tecniche giuste per migliorare la percentuale di apertura o il tasso di conversione dei loro messaggi. Se hai ben presente come sfruttare l’ottimizzazione delle conversioni nelle campagne di marketing via SMS o email, riuscirai ad aumentare significativamente il tasso di conversione e a sfruttare tutte le potenzialità dei canali di marketing.

Ottimizzazione delle conversioni per il mobile marketing 

L’ottimizzazione delle conversioni è il processo di test e sperimentazione che migliora tutte le possibili sfaccettature di una campagna, ad esempio titolo, testo del messaggio, pubblico a cui è rivolta, orario in cui viene inviata e molto altro. Possono essere ottimizzati tutti gli aspetti che caratterizzano un messaggio.

Se vuoi iniziare a ottimizzare i tuoi messaggi, è meglio procedere seguendo una struttura precisa. Questo ti permetterà di imparare dai risultati ottenuti, evitando di scegliere quale aspetto testare in base all’istinto.

6 passaggi per ottimizzare le conversioni

  1. Stabilisci un riferimento per il mobile marketing

Per scoprire se la nuova versione di un messaggio ottiene prestazioni migliori, prima devi conoscere i risultati ottenuti in precedenza. Stabilisci un riferimento per confrontare i due messaggi. Annota tutti gli aspetti pertinenti:

  • il numero di destinatari
  • orario
  • giornodella settimana
  • momento del mese (hai inviato il messaggio a ridosso del giorno di paga o appena prima, quando le persone di solito posticipano le spese fino all’arrivo dello stipendio?)
  • percentuale di apertura
  • CTR (frequenza di clic)
  • numero di conversioni (nota: specifica cosa significa per te conversione)
  • tasso di conversione
  • altri parametri importanti.

2. Analizza i risultati del messaggio che vuoi migliorare

Per capire come migliorare un messaggio, è importante analizzarne i risultati. Quali aspetti del messaggio potrebbero ottenere prestazioni migliori? La percentuale di apertura è più bassa del previsto? Le persone aprono il messaggio ma non eseguono altre azioni sulla base dei contenuti che leggono? Questa analisi ti permetterà di capire quali caratteristiche del messaggio potresti migliorare e ti aiuterà a formulare un obiettivo.

3. Stabilisci un obiettivo

Se la percentuale di apertura è bassa, l’obiettivo sarà iniziare a farla aumentare. Tra tutti gli aspetti del messaggio che vorresti migliorare, individua quello più importante. Se, ad esempio, la percentuale di apertura e la CTR sono basse, dovresti lavorare innanzitutto sul primo parametro. Dopotutto, nessuno leggerà i contenuti che hai perfezionato se non aprirà nemmeno i messaggi. Perciò, stabilisci il tuo obiettivo e concentrati sull’aspetto da migliorare di più.

4. Formula un’ipotesi

A questo punto, avrai un’idea abbastanza chiara su quali sono gli aspetti da migliorare per raggiungere il tuo obiettivo. Come puoi farlo? Formula un’ipotesi su cosa pensi che funzioni meglio rispetto al messaggio già esistente. Potresti avere delle idee basate sulle esperienze precedenti oppure non sapere da dove iniziare. Puoi partire valutando alcune procedure consigliate sul marketing via email o SMS e capire se potrebbero essere adatte alla tua azienda. Scoprirai se fanno effettivamente al caso tuo solo quando comincerai a testarle, ma intanto avrai già un buon punto di partenza.

5. Configura un test

Dopo aver eseguito l’analisi, stabilito un obiettivo e formulato un’ipotesi, arriva il momento di configurare un test. Il miglior modo per farlo è sfruttare un test A/B. Questo tipo di test confronta la versione A (versione originale) con le modifiche apportate alla versione B, mantenendo invariate tutte le altre condizioni. Se invii il test a un gruppo di destinatari abbastanza grande e tutte le condizioni rimangono inalterate (ad es. orario, giorno della settimana, tipo di pubblico, ecc.), il test A/B ti permetterà di capire se puoi attribuire i risultati alle modifiche apportate o se questi sono legati solo al caso.

Le dimensioni del campione sono un fattore importante. È necessario inviare il messaggio a un gruppo di persone abbastanza grande per poter stabilire se i risultati ottenuti sono significativi. A questo scopo, puoi utilizzare uno strumento per il calcolo delle dimensioni del campione per definire questo aspetto e assicurarti che i risultati ottenuti siano dovuti effettivamente agli elementi modificati.

Se lavori con la piattaforma CM.com, puoi usare Addressbook per dividere casualmente i destinatari in due gruppi di marketing. Crea due campagne diverse, una per la versione A e una per la versione B. Mantieni tutti gli elementi invariati eccetto quello che vuoi testare. Configura il messaggio, implementa le modifiche nella versione B, aggiungi casualmente uno dei gruppi di destinatari alla campagna A e aggiungi l’altro alla campagna B. Invia il tuo messaggio e aspetta che arrivino i risultati.

Le dimensioni del campione indicano l’estensione del gruppo di persone che riceveranno il messaggio. Le dimensioni di questo gruppo e il numero di conversioni che otterrai determinano la “significatività” del test. Questo parametro stabilisce se possiamo dedurre che i risultati generati dipendano dalle modifiche apportate o se siano invece legati al caso. In sostanza, vogliamo poter essere sicuri al 95% che queste modifiche migliorino il tasso di conversione.

6. Analizza i risultati 

Dopo aver concluso il test, puoi analizzare i risultati per stabilire se confermano la tua ipotesi. Tieni presente le dimensioni del campione e la “significatività”, in modo da non trarre mai conclusioni basate sugli effetti dovuti al caso. Ad esempio, se tutte le condizioni oltre alla variabile di test rimangono uguali e la versione A viene inviata a 2.000 destinatari e ottiene 3 conversioni, mentre la versione B, con gli stessi destinatari, ottiene 60 conversioni, si può affermare che il secondo messaggio ha prestazioni decisamente migliori. Se vuoi assicurarti della “significatività” dei risultati, puoi utilizzare uno strumento di calcolo della “significatività”.  

Dopo aver eseguito l’analisi e implementato le modifiche, puoi ripetere nuovamente la procedura per continuare a migliorare.

Noi di CM.com siamo riusciti a migliorare sensibilmente le prestazioni dei nostri messaggi eseguendo test A/B. Puoi farlo anche tu seguendo i passaggi spiegati sopra. Assicurati di migliorare costantemente i messaggi per sfruttare al meglio il marketing aziendale ed essere sempre un passo avanti rispetto alla concorrenza tenendo d’occhio i tuoi risultati. 

Non sai ancora da dove iniziare o hai dubbi sui parametri statistici che entrano in gioco quando si parla di ottimizzazione delle conversioni? Puoi richiederci una demo per consentirci di offrirti ulteriore aiuto.

Scopri come le campagne di SMS Marketing possono aiutarti a migliorare il tuo business.

Richiedi una demo

Scopri come le campagne di SMS Marketing possono aiutarti a migliorare il tuo business.

Richiedi una demo
Digital Marketer per CM.com Italia, con anni di esperienza nel mondo della comunicazione e del digital. Serena è overthinker per definizione e in ricerca costante di nuovi stimoli. La chitarra e il canto la sua valvola di sfogo.

Is this region a better fit for you?

Go